venerdì 11 giugno 2010

Schrijven

Scrivi. Scrivi e non smettere mai. Scrivi come se fosse il tuo unico modo di esprimerti, il tuo unico modo per comunicare. Scrivi ciò che hai in testa, ciò che hai in mano, negli occhi, nel cuore. Scrivi quando sei arrabbiata, quando sei felice, triste, disperata, eccitata, quando ti senti speciale. Scrivi del Mare, della sabbia, del cielo, del sangue, del fumo, del nero, del sale. Butta giù i pensieri in parole. Tira fuori ciò che hai dentro. E la carta, lei..quella tua amica paziente, che ti aspetta sempre e ti accoglie ogni volta in modo meraviglioso, la carta, lei, ti ascolterà. Ti ascolta ogni volta, si lascia strappare, segnare, violentare, maltrattare. Ma alla fine ti perdona sempre. E ti perdona quando racchiude le tue parole. Quando le trattiene, le protegge.
Scrivi. Continua a scrivere. Fermati magari. Fermati a pensare. Ma poi riprendi. Riprendi a dare voce al tuo essere, alla tua anima. Come un bambino che grida per essere ascoltato. Scrivi per essere ascoltata. Per essere ascoltata soprattutto da te stessa. Per capirti, per conoscerti, per scoprire lati che non sapevi di avere, per accorgerti che dentro di te c'è un dono. C'è il dono di saper parlare, un dono che non hanno tutti. Sai Parlare. Sai scrivere. Ora impara ad ascoltare te stessa.
Sogna e scrivi. Scrivi..perchè chi scrive sogna.
Perciò continua. Altrimenti tutto questo sperare sarà vano.

2 commenti:

  1. Amarti è come raccogliere conchiglie all'alba in riva al mare.

    RispondiElimina